News

Sbiancamento dei denti fai da te? Un mito da sfatare.

Un bel sorriso è il miglior biglietto da visita che tu possa esibire e non può prescindere da denti bianchi e splendenti. A volte, spinti da questo desiderio, ci lasciamo condizionare e pur di avere un sorriso più brillante cadiamo nel tranello di provare metodi per lo sbiancamento dei denti fai da te che troviamo online, in uno di quegli articoli che spiegano “come ottenere un sorriso bianco in tre semplici mosse”.

Ma cosa si rischia quando vengono utilizzati metodi sbiancanti fai da te?

Sono in molti a sottovalutare le conseguenze dei cosiddetti “metodi della nonna” per avere denti più bianchi, spesso inconsapevoli dei danni irreversibili che si possono determinare sulla salute dei propri denti.

Noi del Centro Odontoiatrico Idea offriamo tutta la nostra esperienza per la cura dell’estetica dentale, con i più moderni metodi di sbiancamento professionale e ci teniamo a mettere al corrente tutti i nostri lettori dei rischi che potrebbero correre, qualora decidessero di affidarsi a metodi sbiancanti non professionali.
In questo articolo, cercheremo di smascherare tutti i falsi miti sui metodi di sbiancamento dei denti fai da te.

Le soluzioni fai da te più diffuse per lo sbiancamento dei denti fai da te, che possono arrecare seri danni al tuo sorriso.

Ci capita spesso di sentire di persone che lavano i denti con il bicarbonato di sodio posto direttamente sullo spazzolino da denti, o che passano la buccia del limone sui denti e chi più ne ha più ne metta. Tutti questi sistemi danneggiano la struttura dei denti attraverso un meccanismo di abrasione chimica o meccanica. Utilizzando queste tecniche fai-da-te si determina una corrosione chimica dello strato più superficiale del dente, cioè dello smalto dentale, che tenderà a diventare una struttura sempre più porosa e meno resistente che permetterà a tutti i coloranti di attraversarlo depositandosi sulla struttura più interna del dente. Inoltre l’erosione chimica dello smalto determinerà un aumento considerevole dell’incidenza di carie.

E’ stato evidenziato nell’ultimo congresso dell’AIC che oltre il 60% dei pazienti intervistati si dichiara insoddisfatto del proprio sorriso e del bianco dei propri denti.
Il desiderio di un sorriso più luminoso unito alla leggerezza con la quale viene affrontato il tema dello sbiancamento dei denti fai da te, conducono molte persone che non vogliono rivolgersi a centri specializzati come il nostro, ad affidarsi a metodi alternativi fatti in casa ottenendo un risultato nella stragrande maggioranza dei casi disastroso: denti con colorazione a chiazze, superfici ruvide, erosioni dello smalto che provocano sensibilità dentinale, bianco non omogeneo che fa pentire immediatamente della scelta compiuta.

C’è poca consapevolezza su che cosa siano realmente le procedure di sbiancamento dentale professionale e come tali procedure si differenzino nettamente dai rimedi sbiancanti (trattamenti schiarenti) fatti in casa. Una differenza sostanziale si può benissimo riassumere in poche parole, chiare e concise: i rimedi fai-da-te rimuovono la patina superficiale che ricopre i denti con un’azione abrasiva ed erosiva (il più delle volte) profondamente dannose per lo smalto dentale, mentre il processo di sbiancamento dentale professionale ossigena il dente, con penetrazione e scambio di molecole di perossido di idrogeno che attraverso un sistema di radicali liberi dissolvono i pigmenti colorati assorbiti nel tempo dalla dentina, la vera responsabile di un sorriso più o meno bianco.

 

Il kit IDEA personalizzato per lo sbiancamento professionale domiciliare

Noi del Centro Odontoiatrico Idea abbiamo deciso di realizzare un kit appositamente studiato per permetterti di sbiancare i denti comodamente a casa tua ma con risultati provati nettamente migliori e senza alcuna controindicazione che possa danneggiare la salute dei vostri denti.

Immediatamente dopo la consueta seduta di igiene dentale professionale procederemo a scansionare le vostre arcate dentali con lo scanner intraorale. L’impronta ottica registrata verrà utilizzata per realizzare delle mascherine trasparenti personalizzate che replicheranno perfettamente la forma delle vostre arcate, studiate appositamente per permettere l’applicazione al loro interno del gel sbiancante. Non vi resterà altro da fare che indossarle per un intervallo di 6-8 ore e il successo è garantito già alla prima applicazione.

Questo metodo offre una serie di notevoli vantaggi e, pur essendo una tecnica risalente al lontano 1989, nel corso degli anni è stata sviluppata e migliorata. I gel di ultima generazione, oltre ad offrire un forte potere sbiancante, sono sottoposti a numerosi studi clinici per garantire totale sicurezza. Tra i vantaggi più importanti da segnalare c’è la riduzione al minimo dei fenomeni di ipersensibilità; un vantaggio dovuto alla minor percentuale di perossido di idrogeno rilasciata, al controllo della quantità di gel applicata e all’aggiunta di sostanze come il nitrato di potassio.

Il nostro kit ti assicura una grande facilità d’uso, con un veloce risciacquo al termine dell’applicazione e la ricarica del gel all’applicazione successiva con un pratico dosatore. L’applicazione di questo metodo non richiede grande impegno, ma solo costanza: dovrai solo ricordarti di indossare la mascherina per un intervallo di tempo di circa 6-8 ore, generalmente di notte mentre riposi, per la durata di circa 10-12 notti.

Vuoi ottenere denti bianchi e splendenti (senza controindicazioni) in totale sicurezza?

Vienici a trovare al Centro Odontoiatrico Idea.

Contattaci ora per una prima visita nel nostro Centro:
ti mostreremo tutti i vantaggi e i benefici del nostro Metodo Idea per avere denti bianchi e allo stesso tempo sani e forti, grazie alla realizzazione della tua mascherina personalizzata per un effetto sbiancante perfetto.

Centro Odontoiatrico Idea,
il Centro del tuo sorriso a Roma.

News

Ecco i nostri nuovi “giocattoli tecnologici” per lo studio dentistico

La Tecnologia e l’innovazione che ne consegue sono ormai riscontrabili in diversi ambiti delle nostre attività quotidiane. Anche in quello lavorativo, ancor più in quello medico-sanitario, il contributo dell’innovazione tecnologica è un elemento di fondamentale importanza per permettere di migliorare, sempre più, la qualità dei servizi e dei trattamenti erogati, tutto a vantaggio della sicurezza e del comfort del paziente.

Noi del Centro Odontoiatrico IDEA lo sappiamo bene ed è proprio spinti da questa ambizione che offriamo, a tutti i nostri pazienti, il massimo dei trattamenti di ‘estetica odontoiatrica’ costantemente supportati dalle più moderne tecnologie.

I nuovi giocattoli tecnologici dello Studio Odontoiatrico IDEA
La parola chiave che più ci contraddistingue è, certamente, innovazione. Ed è, infatti, proprio grazie all’applicazione di protocolli e metodologie innovative che possiamo garantire ai nostri pazienti le più sofisticate tecnologie all’avanguardia, permettendoci di eseguire trattamenti odontoiatrici da veri professionisti ed esperti della salute orale e dell’estetica dentale così da far tornare a splendere i vostri sorrisi!

A dimostrazione di quanto detto Noi del Centro Odontoiatrico IDEA vogliamo raccontarvi di tre nuovi importanti dispositivi di ultimissima generazione che sono entrati a far parte della nostra squadra permettendoci di offrirvi il meglio nel campo dell’odontoiatria digitale:

Scanner Intraorale, Come Beam e Software di Implantologia guidata. Prenderci cura del tuo sorriso è il nostro obiettivo più importante!

Scopriamo ora insieme i nuovi “giocattoli tecnologici” disponibili:

– Scanner intraorale
Abbiamo deciso di dire addio alle vecchie impronte dentali con materiali dal sapore disgustoso e con tempi di presa molto lunghi, per affidarci definitivamente alle impronte digitali. Nel Centro Odontoiatrico Idea attraverso l’utilizzo di uno scanner intraorale rileviamo impronte virtuali di entrambi le arcate dentali dei nostri pazienti in pochissimi secondi. Questo si traduce in velocità di esecuzione rispetto ai materiali tradizionali, possibilità di inviare immediatamente il file al laboratorio riducendo tempi, passaggi e possibilità di errore, comfort incredibile per i pazienti, specialmente per coloro che mal sopportavano l’invasività delle impronte tradizionali, ed in un aumento esponenziale della precisione nel dettaglio delle impronte rilevate

– Cone beam
Conosciuta anche con il nome di tomografia computerizzata (TAC), è un esame radiologico disponibile nel nostro Centro che permette di ricreare virtualmente immagini tridimensionali delle strutture anatomiche così da poter “navigare” all’interno delle stesse e poterne studiare le caratteristiche. Questo è di assoluto ausilio per la valutazione della qualità e dello spessore dell’osso nei casi in cui si debba ricorrere alla riabilitazione di denti persi con altrettanti impianti dentali.

– Implantologia guidata
Questa tecnica chirurgica rappresenta la più alta e quotata delle innovazioni in campo odontoiatrico. Nasce di fatto dall’interazione tra i dati acquisti con lo scanner intraorale e quelli della Cone Beam permettendoci di pianificare ogni fase del trattamento implantologico. Per comprendere l’entità della sua valenza basti pensare che con questa tecnica chirurgica è possibile progettare virtualmente l’intervento chirurgico implantologico così da poterlo poi effettuare senza tagli, senza punti di sutura, senza dolore e in tempi ridottissimi.

Se vuoi conoscere meglio tutta la tecnologia a disposizione presso il Centro Odontoiatrico IDEA o vuoi apprendere i segreti del nostro successo e di come ci prendiamo cura del benessere e del sorriso di più di 10 mila pazienti, tutte le informazioni e i dettagli sono disponibili e facilmente consultabili sul nostro sito web: https://www.dentistaeur.it/

News

5 consigli per un sorriso più sano

Un sorriso smagliante e sano può essere importante per diversi aspetti della nostra vita: innanzitutto, significa che godiamo di buona salute e poi ci sarà utile nella quotidianità e nei rapporti interpersonali. Avere denti bianchi e puliti è sintomo di benessere fisico, per cui tutti i giorni è necessario prendersene cura, mettendo in atto alcuni semplici accorgimenti, grazie ai quali evitare fastidiosi disagi come la carie o l’alitosi e mantenere un aspetto lucido e splendente dei denti. Ecco allora, cinque pratici consigli per avere sempre denti sani e bianchi.

 

Curare la propria igiene orale

Una corretta igiene orale è il punto di partenza per avere un sorriso smagliante, per cui, tutti i giorni, bisogna prendersi cura dei denti, lavandoli almeno tre volte e sempre dopo i pasti, senza però spazzolarli con troppa violenza, così da non danneggiare lo smalto. Lo spazzolino deve essere scelto con cura e va cambiato periodicamente, ma il suo utilizzo deve essere affiancato dall’uso del filo interdentale e del collutorio. Il primo va usato almeno una volta al giorno ed è utile per eliminare i residui di cibo tra i denti, mentre il collutorio può essere usato dopo averli lavati, per sciacquare la bocca eliminando eventuali batteri e dando, nello stesso tempo, freschezza alla bocca.

 

Effettuare visite dentistiche periodiche

Non è possibile prendersi cura dei denti da soli, così è importante il contributo del dentista, che deve avere la possibilità di monitorare periodicamente lo stato di salute della nostra bocca. Almeno una volta all’anno, meglio se ogni sei mesi, va effettuata una pulizia professionale, in modo tale da rimuovere tutte quelle incrostazioni raggiungibili soltanto grazie agli strumenti in possesso del dentista stesso.

 

Scegliere un’alimentazione sana

L’alimentazione è importante per la nostra salute e lo è, quindi, anche per i nostri denti. In questo senso, va sempre adottata una dieta sana ed equilibrata, che abbia al centro cibi ricchi di calcio, minerali e vitamine. In particolare, grande spazio a frutta e verdura e al pesce. Inoltre, vanno eliminati se non, almeno, limitati alcuni alimenti come i dolci, principale causa di carie, e le bevande gassate o alcoliche, che possono deteriorare lo smalto dei denti.

 

Evitare le bevande che macchiano i denti

Sempre riguardo alle bevande, è necessario limitare al minimo il consumo di quelle che macchiano i denti. In particolare, si tratta del caffè, del vino rosso e del tè che, se bevuti con eccessiva frequenza possono rendere i denti più scuri. Un’alternativa, se proprio non si riesce a limitarne il consumo, è di berli servendosi di una cannuccia, in modo tale da evitare il contatto diretto con lo smalto dei denti.

 

Evitare le brutte abitudini

Seguire una corretta alimentazione fa parte delle nostre abitudini quotidiane, ma non sono solo i cibi che mangiamo a danneggiare lo smalto dei denti.

Infatti, ci sono altri comportamenti che provocano problemi, a partire dal vizio di masticare le matite (o le penne) oppure il ghiaccio. In questo modo, si rischia che il dente si spezzi o si scheggi, mentre il ghiaccio può procurare delle fratture. Mangiarsi le unghie è un’abitudine che hanno in molti e, anche in questo caso, i denti ne risentono, visto che il trasferimento dei batteri dalla mano alla bocca può causare sia l’indebolimento dello smalto che l’insorgere di altre patologie. Chi non riesce ad evitarlo, può sempre ricorrere alla masticazione di gomme senza zucchero, rendendo anche un favore alla propria igiene orale. Il vizio di fumare arreca danni ai nostri denti, oltre che, più in generale, alla nostra salute. Il tabacco contenuto nelle “bionde”, infatti, può provocare problemi di alitosi o, peggio, l’ingiallimento dei denti e gengiviti.

Infine, anche alcune scelte estetiche possono causare danni ai denti, a partire dai piercing sulla bocca (lingua o labbra), che potrebbero scheggiare i denti stessi oppure danneggiare le ghiandole salivali o, caso ancora peggiore, causare infiammazioni che potrebbero portare alla recessione delle gengive.

News

Fatti importanti sugli impianti dentali

Noi del Centro Odontoiatrico IDEA, trattiamo con persone di ogni età e analizziamo nel dettaglio quali possano essere le diverse esigenze, in modo da garantire uno stato di salute generale della bocca del paziente.

Ogni giorno visitiamo persone con differenti problematiche, dalle più semplici carie dentali, fino a situazioni più complesse, come la mancanza di uno o più denti, problema affatto raro che infatti è presente in più persone di quanto si pensi.

La mancanza dei denti non causa solo problemi nell’aspetto fisico, ma può creare danni anche psicologici ad una persona. Chi ne soffre, evita spesso di sorridere, e ciò impatta negativamente sulla sua fiducia e l’autostima. Fortunatamente esiste una soluzione: l’installazione di impianti dentali.
Scopriamo insieme alcune caratteristiche fondamentali degli impianti dentali.

 

Gli impianti dentali sono molto resistenti, quasi come i denti naturali

Solo attraverso la sostituzione del dente, tramite un impianto si ha la possibilità di ottenere una forza ed una resistenza vicina a quella dei denti naturali.

L’installazione di impianti dentali, ultimamente, sta diventando una tipologia di intervento sempre più comune in odontoiatria: usata ormai come standard di riferimento per la sostituzione dei denti mancanti. Si configura come la migliore scelta in termini estetici e di resistenza, poiché, attraverso gli impianti si può riottenere una forza nel morso simile a quella di quando si era più giovani.

Gli impianti dentali possiedono un alto grado di resistenza perché vengono fabbricati in titanio, un materiale perfettamente biocompatibile con il corpo umano. Una volta inseriti all’interno dell’osso, la zona intorno all’impianto guarisce inglobando l’impianto stesso, che diventa letteralmente parte integrante della bocca. Il sistema funziona come la radice di un dente, poiché si fissa e si ancora all’osso in modo permanete.

Utilizzando gli impianti dentali, si possono inserire le protesi dentarie, fisse o rimovibili: solitamente le protesi rimovibili conferiscono solo tra il 25% ed il 50% della reale forza dei denti. Impianti e protesi hanno la necessità di essere fabbricati con materiali di primissima scelta, poiché devono rispondere ad importanti aspetti riguardanti la sicurezza e salute del paziente.

 

L’operazione per l’installazione degli impianti è programmabile

Quando si sente la parola intervento chirurgico, spesso si ci spaventa. Niente paura! Non è il caso degli impianti dentali, poiché l’operazione prevede un lavoro estremamente prevedibile ed efficace.

Rivolgendovi a noi del Centro Odontoiatrico IDEA, si può facilmente prenotare e programmare un intervento con un chirurgo qualificato. L’intervento riesce nel 98% dei casi, una percentuale davvero alta se confrontata con altre tipologie di interventi.

Gli unici prerequisiti per procedere con l’intervento prevedono un buon stato di salute generale ed una condizione dell’osso ottimale.

 

Gli impianti dentali non possono cariarsi

Il problema fondamentale dei denti naturali è che questi possono rovinarsi con il tempo, rompersi, muoversi e cariarsi. Le cavità indeboliscono il dente, e devono essere riempite per garantire che le carie non si diffondano.

Il problema non esiste nel caso degli impianti dentali, poiché, quest’ultimi sono realizzati in titanio e non si formano al loro interno delle cavità che possano creare carie. Una volta installato l’impianto, trascorsi i termini di guarigione corretti, sarà importante continuare con la classica pulizia dei denti tramite spazzolino e filo interdentale.

 

Gli impianti dentali possono migliorare le condizioni di salute generali

Come già accennato, i denti mancanti sono esteticamente brutti da vedere, e questa condizione non provoca solo un problema di carattere fisico, ma anche un problema più profondo di salute psicologica e un abbassamento dell’autostima. Secondo uno studio dei ricercatori della Mayo Clinic, le persone senza denti rischiano di vedersi la vita ridotta di circa 10 anni. Ciò accade soprattutto perché, senza una corretta dentatura, non si può mantenere una sana alimentazione. Attraverso l’installazione degli impianti dentali, non si aumenta solo la salute generale della bocca del paziente, ma si ha anche la possibilità di digerire il cibo nel migliore dei modi, contribuendo alla salute globale dell’organismo.

 

Gli impianti dentali preservano il ritiro della mascella

Quando si perdono uno o più denti, la mascella tende a ritirarsi: man mano che l’osso mascellare cambia la sua forma, comportando un’alterazione nella struttura della bocca. Questi movimenti dell’osso della mascella, alterano anche l’aspetto estetico, poiché sono conseguenza della formazione di rughe all’esterno del viso.

I cambiamenti della struttura mascellare causano anche il continuo riadattamento delle dentiere e delle protesi mobili, soprattutto per quanto riguarda l’arcata inferiore, poiché la superficie di appoggio muta costantemente. Ciò non comporta solo stress, ma anche spese economiche costanti per riadattare le protesi. Tutto ciò, con gli impianti dentali, non avviene, poiché la struttura si fonde con l’osso e lo preserva.

News

Protesi dentali mobili vs. impianti dentali

E’ arrivato il momento di dover dare nuova vita ai tuoi denti e sicuramente sei indeciso su quale possa essere la soluzione migliore che ti garantisca una masticazione perfetta, una fonetica adeguata e un sorriso a dir poco smagliante. Il dubbio ti salirà perché le due soluzioni possono essere o la protesi dentale mobile o quella fissa.

Noi del Centro odontoiatrico Idea possiamo offrirti soluzioni vantaggiose e soprattutto di lunga durata. Da sempre cerchiamo di indirizzare i nostri clienti verso la scelta migliore ossia quella che, con il tempo, ti farà gioire del risultato ottenuto.

 

Protesi dentale mobile, la soluzione ormai quasi obsoleta

Prima di tutto, la nostra prassi ci invita a metterti al corrente delle differenze tra le due soluzioni e in particolare anche dei costi che devi affrontare.

Partiamo dalla protesi dentale mobile chiamata più comunemente dentiera. Per anni la dentiera è stata l’unica soluzione che ha permesso a diversi utenti di riavere denti perfetti. Questa soluzione però non è mai stata eccellente ed è per questo che l’odontoiatria si è prodigata a crearne una migliore e soprattutto più efficace ed efficiente.

Le differenze non si discutono perché sono nettamente visibili. Intanto il tempo di realizzazione che è completamente diverso. Per realizzare una protesi dentale mobile, i tempi sono abbastanza lunghi in quanto, prima viene creato un modello in gesso della tua dentatura dopo aver preso precedentemente delle impronte e poi provata in bocca. Se aderisce perfettamente alle arcate allora si procede con realizzazione della vera e propria dentiera. I materiali utilizzati sono resina e ceramica della steso colore dei veri denti.

La protesi mobile non va portata sempre e così ogni sera prima di coricarti bisogna toglierla assolutamente e, se possibile, anche qualche ora durante il giorno. Questo passaggio è importante per permettere alla protesi di essere igienizzata. Inoltre, tenerla tutto il giorno comporta il rischio di un riassorbimento dell’osso sottostante che renderebbe la protesi instabile.

 

Impianto dentale, la soluzione migliore per avere denti e sorriso perfetti

La protesi mobile è stata sostituita ormai da tempo dal’impianto dentale detto anche protesi fissa.

L’impianto dentale è la nuova frontiera del’odontoiatria e, la sua efficacia ed efficienza non è passata inosservata infatti, sin da subito ,è stata molto apprezzata sia dai dentisti che dai pazienti. L’unico svantaggio ma, se ci pensi bene un vero svantaggio non è, è che costa molto di più rispetto alla protesi mobile. Il suo costo elevato è plausibile perché i vantaggi che offre sono tanti e tutti eccezionali.

Gli impianti dentali sono realizzati in titanio, un materiale resistente e anallergico in cui non ci sarà nessuna forma di rigetto. La sua installazione permette al paziente di riavere in poco tempo un’estetica del sorriso al di sopra delle proprie aspettative ma non solo, perché migliora nettamente la fonetica e la funzione masticatoria.

Questo tipo di impianto è, in altre parole, una vite che viene inserita nell’osso mascellare o mandibolare divenendo un’ottima radice artificiale. Al suo interno vengono inseriti i monconi che serviranno per fissare le protesi dentali.

Per poterlo realizzare, viene effettuata l’anestesia locale; non è assolutamente doloroso e già un paio d’ore dopo l’installazione potrai tranquillamente ingerire cibo senza alcun problema. L’impianto dentale è la scelta migliore ed è per questo che è diventata ormai la più proposta ai pazienti e quasi tutti ne possono usufruire infatti, viene installato su individui tra 18 e 70 anni.

News

4 Cattive abitudini di spazzolamento che ti consigliamo di evitare

Avere una bocca sana e curata è un traguardo che necessita un certo impegno. Un sorriso smagliante, infatti, non è soltanto un dono di natura, ma è il frutto di comportamenti corretti ripetuti con costanza nel tempo.

Oltre a sottoporsi a controlli periodici dal proprio dentista di fiducia per scongiurare l’insorgere di fastidiose patologie del cavo orale o per curare eventualmente, quelle già in essere, è opportuno seguire un preciso protocollo di igiene domiciliare che sia efficace nel tempo.

Non sappiamo quante volte ti sia soffermato a pensare con attenzione alla pulizia quotidiana dei denti e se mai ti sia chiesto se esiste un modo più giusto di altri per farla.

Spazzolare i denti, in realtà, non è un’operazione così banale come potesti pensare; per farla nel modo più corretto ed efficace ti consigliamo di seguire qualche piccola accortezza che ti consentirà di raggiungere il traguardo senza intoppi.

 

Come spazzolare i denti?

La maggior parte dei professionisti del settore è concorde nel consigliare di lavare i denti almeno due volte al giorno e comunque sempre dopo i pasti principali.

I denti vanno spazzolati in senso verticale con un movimento che sale dalle gengive verso l’estremità finale del dente; il movimento pressorio non deve essere troppo deciso, ma efficace.

Ti consigliamo, inoltre, di prenderti uguale cura sia della superficie esterna che di quella interna dei denti senza dimenticarti della base masticatoria.

Spazzolarsi i tempi rapidamente non consente una pulizia adeguata; i dentisti, infatti, sono unanimi nel consigliare un tempo di pulizia ottimale in almeno un paio di minuti. Se sono tre, i minuti, meglio ancora.

Per un risultato finale soddisfacente, inoltre, ti raccomandiamo di piegare lo spazzolino almeno al 45 gradi per raggiungere agevolmente anche gli angoli più nascosti.

 

Attenzione alle gengive!

Tra le patologie che possono aggredire il cavo orale le gengiviti sono, senza dubbio, tra le più comuni. Nelle fasi iniziali dell’affezione è facile vedere un lieve sanguinamento che può trasformarsi nel tempo in gengive gonfie, tumefatte ed estremamente irritate.

Una gengivite trascurata può trasformarsi rapidamente in una retrazione del colletto dentale che provoca alterata sensibilità agli stimoli caldo, freddo e pressorio e, oltre ad essere veramente anti estetica, può condurre, nel tempo, addirittura alla perdita del dente stesso.

Forse non sai che la causa principale delle gengiviti risiede in un comportamento scorretto all’atto della pulizia dentale. Spazzolare troppo energicamente il cavo orale implica sottoporre le gengive a micro traumi che, ripetuti nel tempo, possono indurre la patologia vera e propria.

Per questa ragione ti raccomandiamo di non esercitare una pressione esagerata mentre ti occupi della pulizia dentale; il movimento deve essere lieve, ma accurato.

Al termine delle operazioni usa, con cautela, il filo interdentale per eliminare tutti i residui di cibo che possono condurre alla proliferazione batterica e risciacqua con un collutorio adeguato.

 

Come prendersi cura del proprio spazzolino?

Ti consigliamo di utilizzare sempre uno spazzolino di buona qualità e di conservarlo al meglio.

Ti suggeriamo, a tal proposito, di non ricoverare mai il tuo dispositivo in un luogo chiuso e privo di aria (come un cassetto ad esempio). Riporre in tal modo il dispositivo, ancora umido, favorisce il proliferare della carica batterica sulle setole con il rischio di utilizzare, la volta successiva, uno spazzolino sporco.

Gli esperti raccomandano di conservare lo strumento in un bicchiere lasciandolo libero di respirare al meglio per favorire il processo di asciugatura e limitare le aggressioni di germi e batteri.

 

Quando sostituire il tuo spazzolino?

Cambiare lo spazzolino raramente non è soltanto una cattiva abitudine, ma è potenzialmente nocivo.

La maggior parte dei dentisti è concorde nell’affermare che è necessario sostituire lo spazzolino almeno una volta ogni tre mesi.

In tal modo il dispositivo viene mantenuto in buona salute e perfettamente efficiente. Setole usurate o piegate dall’uso non riescono più a eliminare in misura adeguata i residui di cibo che si fissano fra le fessure dei denti ed il colletto gengivale con il rischio di incorrere in placca e tartaro.

Utilizzare uno spazzolino per lungo tempo, inoltre, è potenzialmente dannoso poiché il dispositivo è un vero e proprio ricettacolo di germi e batteri che possono aiutare l’insorgere della carie.

Cambiando spesso il tuo spazzolino, dunque, manterrai la sua efficienza inalterata nel tempo e non correrai il rischio di spazzolarti i denti in compagnia di germi e batteri.

News

Bocca asciutta? Tienila sotto controllo e proteggi la tua salute dentale

Forse non tutti sanno che la saliva gioca un ruolo fondamentale per la salute della nostra bocca, infatti al suo interno si trovano numerosi enzimi in grado non solo di favorire la digestione ma anche di contrastare la formazione di carie, evitando la proliferazione di batteri all’interno della bocca. Difatti mantenere una bocca umida permette di evitare che aumentino i livelli di acidità, questo perché quando introduciamo del cibo all’interno della bocca si passa da una condizione a pH neutro ad una a pH fortemente acido e, come è facilmente intuibile, l’acido può causare numerosi problemi ai denti se non eliminato rapidamente. E’ a questo punto che entra in gioco la saliva, in grado di neutralizzare l’acido in circa trenta minuti e ripristinare i livelli di pH ottimali.

Avere la bocca secca è un problema abbastanza serio che si verifica quando le ghiandole salivari non riescono a produrre abbastanza saliva, il termine medico esatto è xerostomia, che se non curata efficacemente può causare problemi di salute anche gravi. Ma quali sono i fattori di rischio che possono causare la xerostomia, o bocca asciutta?

 

– PRINCIPALI CAUSE CHE FAVORISCONO UNA BOCCA ASCIUTTA
Sicuramente questa è una condizione che si manifesta maggiormente in persone di una certa età, questo perché gli anziani assumono farmaci che possono favorire la comparsa di xerostomia, in quanto provocano una notevole secchezza delle fauci, inoltre non sempre riescono a percepire lo stimolo della seta, di conseguenza sono spesso disidratati.

Proprio alcuni farmaci sono i principali responsabili del mancato funzionamento delle ghiandole salivari, come ad esempio gli antidepressivi o gli ansiolitici, i farmaci per l’incontinenza urinaria o il morbo di Parkinson, nonché i chemioterapici in grado di alterare la composizione della saliva stessa, provocando secchezza delle fauci. Anche la radioterapia, se interessa testa e collo, può andare a danneggiare le ghiandole salivari diminuendo notevolmente la produzione di saliva.

Oltre ai farmaci ci sono determinate malattie le quali possono essere responsabili di una bocca asciutta, come ad esempio il diabete, infezione da HIV, tubercolosi, ma anche alcuni particolari stati d’animo, come potrebbe essere una condizione di ansia e stress, senza trascurare il fumo, il quale oltre ad aumentare la disidratazione potrebbe aggravare i sintomi.

In aggiunta a questi fattori di rischio, ci sono alcuni pazienti che manifestano una sensazione di bocca secca soprattutto durante la notte, questo avviene in caso in cui vi sia un’ostruzione nasale, costringendolo a respirare solo attraverso la bocca.

 

– CURE E TERAPIE
Per determinare il modo miglior di agire è consigliabile consultare un medico al fine di riuscire ad alleviare i sintomi. Bisogna però ricordare che il trattamento è strettamente correlato alla causa che ha determinato una bocca asciutta, per questo motivo è essenziale effettuare un’accurata diagnosi.

Ad esempio qualora il disturbo sia causato dalla somministrazione di un determinato farmaco, i medici del nostro studio potrebbero aiutarti a trovare un’alternativa o provare a cambiare il dosaggio. Ma potrebbero essere sufficiente anche dei semplici consigli per quanto riguarda lo stile di vita, ovvero ridurre l’assunzione di cibi acidi e speziati o bevande contenenti caffeina, smettere di fumare, evitare di bere molti alcolici, infine utilizzare un umidificatore per l’aria di notte con lo scopo di mantenere umide le membrane del naso e della bocca. Un piccolo consiglio potrebbe essere quello di masticare gomme allo xilitolo, uno zucchero a base alcolica, in grado di stimolare la produzione di saliva.

In tutto ciò non bisogna assolutamente trascurare l’igiene orale, quindi lavati sempre i denti dopo i pasti, possibilmente utilizzando un dentifricio al fluoro, ed utilizza un filo interdentale tutti i giorni, in questo modo sarà molto più semplice tenere sotto controllo questa patologia.

Se anche tu pensi di avere problemi di bocca asciutta non esitare a prendere un appuntamento presso il nostro Centro Odontoiatrico IDEA, uno tra i nostri specialisti ti aiuterà a capire la causa ma soprattutto riuscirà a trovare una soluzione al fine di risolvere o per lo meno alleviare i tuoi sintomi.

News

4 consigli per aiutarti a smettere di fumare

Tra i comportamenti più dannosi per i denti, c’è sicuramente il brutto vizio del fumo. Sappiamo che è un problema difficile da cui liberarsi ma se si riuscisse ad approcciarlo nel modo giusto, forse potremmo evitare l’insorgenza di disturbi a cavo orale, denti e gengive. Vediamo se riusciamo a darvi quale consiglio utile.

 

Il fumo, nemico della salute e dello smalto

Non smetteremo mai di ripeterlo: il fumo fa male. Oltre ad avere ripercussioni negative su tutto l’organismo (cuore e polmoni in primis), favorisce l’insorgenza di tumori. In più, danneggia i denti e il cavo orale in maniera permanente: la nicotina funge da vasocostrittore, diminuendo enormemente le difese immunitarie del dente e le sue capacità rigenerative.

Tra i fumatori si rileva maggiore presenza di tartaro e una placca batterica diversa dai non fumatori. Inoltre, si può contrarre con maggiore frequenza la parodontite. Si tratta di un’infiammazione dei tessuti gengivali che, se trascurata, è responsabile anche della caduta prematura dei denti. In più, si sviluppano con facilità dei disturbi antiestetici come le discromie, ovvero le macchie sui denti.

In caso di impianti dentali, il fumo può insinuarsi tra la struttura e l’osso, riducendo le possibilità di buona riuscita dell’intervento. Molte sono le malattie causate alle mucose orali: una è senza dubbio la leucoplachia, con macchie bianche su lingua e gengive, ma anche frequenti episodi di candidosi. Soprattutto per i fumatori, infatti, è fondamentale affidarsi ad un Centro Odontoiatrico, con professionisti competenti in grado di trattare le varie patologie della bocca. Inoltre, bisogna rispettare le regole basilari della prevenzione: pulizia quotidiana con spazzolino, filo interdentale ed un’alimentazione adeguata. Oltre a questo, non bisogna trascurare gli incontri con gli odontoiatri: almeno un controllo annuo e due pulizie dentali sono fondamentali.

Si tratta di appuntamenti da rispettare fin dall’età pediatrica e che non si dovrebbero eliminare da adulti. In questo modo sarà possibile agire prima che il problema si manifesti in maniera esplicita, così da intervenire in maniera immediata e rapida.

 

Vuoi smettere? Ecco come

Il tabacco crea una forte dipendenza fisica e mentale, dovuta essenzialmente alla nicotina. Smettere non è mai semplice: c’è bisogno di buona volontà e determinazione. Nonostante le difficoltà, noi crediamo in te e vogliamo aiutarti! Ecco quindi quattro semplici consigli per dire basta per sempre alle sigarette:

  • Cambia la tua risposta allo stress. Senza nemmeno accorgertene, utilizzi il tabacco come fonte di piacere e strumento per alleviare qualsiasi tipo di ansia. In questo modo, anche se indirettamente, ricompenserai il tuo cervello, che in ogni situazione di stress richiederà un calmante. Di conseguenza, tutte le volte che dovrai affrontare un momento difficile, ricorrerai alle sigarette e le utilizzerai come palliativo. Meglio quindi rispondere alle difficoltà in maniera diversa: fare una bella passeggiata, ascoltando musica o parlando con un amico.
  • Quando smetti, fallo gradualmente. Per il corpo e la mente di un fumatore non c’è cosa peggiore che interrompere bruscamente di fumare. Meglio farlo in maniera graduale, riducendo settimanalmente la quantità di sigarette. In alternativa, puoi cercare un marchio con una quantità inferiore di nicotina: l’ideale sarebbe quello di diminuire di 0.2-0.4 ogni sette giorni.
  • Gruppi di supporto. Per affrontare al meglio questo momento, può essere una buona idea quella di contattare persone nella tua stessa situazione. Esistono molti gruppi di supporto, pensati per aiutare a smettere di fumare. In questo modo potrete confrontarvi e farvi forza a vicenda, per un periodo di tempo variabile (di solito dura dalle 6 alle 8 settimane). Puoi contattare il tuo medico: lui saprà indicarti il più vicino in zona!
  • Chiedi aiuto al tuo dottore o dentista. Il sostegno dei familiari è importante, ma non sempre sufficiente. Confrontati anche col tuo medico o col tuo centro odontoiatrico di fiducia. Noi di IDEA saremmo lieti di supportarti in questa sfida. Fai un salto nel nostro studio, dove potremo parlare insieme e fornirti il giusto sostegno!
News

5 cause comuni di denti scoloriti (e come può aiutare lo sbiancamento dei denti)

Il benessere dell’intero organismo è legato al sorriso. Non tutti sanno infatti che sorridere rende felici, permette di aumentare le difese immunitarie, allevia lo stress e rende molto più sicuri di sè. Il benessere dell’intero organismo dipende dalla bocca. Denti forti e sani ma anche bianchi permettono di vivere meglio. Molto spesso però alcune persone tendono a nascondere i denti perché presentano delle macchie oppure hanno un colorito giallastro che tende al marrone, noi di Studio IDEA, ti offriamo la soluzione a questo problema: lo sbiancamento dei denti. Sono alcune cattive abitudini tipiche della vita quotidiana che causano lo scolorimento dentale, evitandole o comunque minimizzandole avrai la possibilità di rendere i tuoi denti più bianchi. Per prevenire le macchie ai denti dovresti evitare le cause più comuni, eccone cinque!

Il tabacco, un altro ottimo motivo per smettere di fumare
Smettere di fumare certo non è semplice, serve una grande forza di volontà e la convinzione di volerlo fare. I benefici del vivere senza sigarette sono molteplici, è assodato infatti che numerose patologie sono legate al tabacco, la bocca insieme ai polmoni sono gli organi più colpiti: fumare aumenta infatti l’insorgenza di malattie del cavo orale, parodontite, gengivite; il fumo è causa dell’invecchiamento precoce della pelle e numerosi studi hanno confermato il legame tra il fumo e l’insorgere di malattie tumorali. Inoltre, è assodato che i denti di chi fuma tendono a macchiarsi, la nicotina infatti si lega allo smalto dei denti ingiallendoli. Tutti i fumatori hanno lo smalto tendente al giallo-marrone. Per avere denti bianchi ed un sorriso splendente smettere di fumare è indispensabile.

Alcolici, thè e caffè: alcune bevande sono la causa dei denti scoloriti
La causa più comune dei denti ingialliti dopo il fumo è il caffè, questa però non è l’unica bevanda che macchia i denti. Il vino rosso ad esempio tende a corrodere lo smalto superficiale della superficie dentale, macchiandola in modo permanente, quello bianco, a causa dell’alto contenuto di sostanze acide danneggia allo stesso modo i denti. Non solo il caffè ma anche il thè ed altre bibite, sia gassate che non, macchiano i denti. Per prevenire gli effetti negativi che le bevande hanno sui denti puoi utilizzare una cannuccia per bere, così il liquido non toccherà direttamente i denti e lavarli immediatamente dopo aver bevuto, utilizzando regolarmente il filo interdentale.

Cibo da asporto, curry e salsa di soia
In pochi sono a conoscenza del fato che spezie come il curry possono ingiallire i denti, così come la salsa di soia ed alcuni tipi di sugo per la pasta. Per prevenire l’ingiallimento si consiglia di prestare una particolare cura alla propria igiene dentale dopo aver consumato questi alimenti. Se da un lato alcuni cibi forniscono vitamine e minerali indispensabili per il benessere dall’altro è importante spazzolare i denti dopo ogni pasto.

Igiene dentale poco accurata
Molte persone non sanno lavarsi i denti e prendersi cura in generale del cavo orale, questa è una delle principali cause dei denti gialli o comunque macchiati. Una buona abitudine è quella di spazzolare i denti due volte al giorno, magari dopo i pasti e usare il filo interdentale sempre. I residui di cibo che non vengono accuratamente eliminati ed i batteri si attaccano sui denti causando le macchie. Una buona abitudine è anche quella di cambiare lo spazzolino ogni tre mesi così che le setole, sempre in buone condizioni, non scheggino lo smalto indebolendolo.

Il passare del tempo
Una causa che purtroppo tende a far ingiallire i tuoi denti è l’età. Col passare del tempo lo smalto si consuma e si degrada ed inizia così a vedersi la dentina dal tipico colore giallastro. A questa situazione non si può porre rimedio se non rivolgendosi ad un professionista. Da noi di Studio IDEA puoi infatti sottoporti a trattamenti che rafforzano lo smalto dei tuoi denti regalandoti un aspetto più giovane e fresco.

News

Evita questi 4 problemi di salute se utilizzi una protesi dentaria

La protesi dentaria è una soluzione odontotecnica, impiegata dai dentisti nel momento in cui il paziente risulti soggetto alla perdita dei denti, causata principalmente dall’invecchiamento: con l’avanzare dell’età, sono diverse le condizioni che possono indurre la caduta del dente, come ad esempio la progressiva diminuzione nelle pratiche di igiene orale giornaliere, con conseguente comparsa di problematiche odontoiatriche come la parodontite, oppure l’assunzione di particolari farmaci, molto impiegati specialmente dagli anziani, che possono considerarsi i maggiori responsabili della deciduità spontanea dei denti.

Esistono diverse tipologie di protesi dentaria, che si differenziano tra loro in base all’impiego, in protesi dentaria fissa e protesi dentaria mobile: la maggior parte dei pazienti sembra prediligere l’impiego di una protesi dentaria fissa, per evitare di doverla togliere e mettere nel corso della giornata. La perdita dei denti causa infatti numerosissimi disagi relazionali, poichè identificata, a livello sociale, come una problematica sanitaria piuttosto delicato e imbarazzante.

Tuttavia, l’utilizzo di una protesi dentaria fissa, potrebbe provocare una serie di problemi di salute di variabile entità, che invece non si verificherebbero se si adottasse una protesi dentaria mobile da poter rimuovere e lavare accuratamente ogni volta che si presenti questa necessità.

Perchè scegliere una protesi dentaria mobile

Ecco alcuni dei problemi di salute che potrebbero comparire a seguito di un utilizzo prolungato della protesi dentaria nel corso della giornata e quindi tutte le problematiche che potrebbero ricollegabile all’impiego di una protesi dentaria fissa:

  • Peggioramento della deciduità dentaria: affinché una protesi dentaria funzioni correttamente, è bene che questa aderisca saldamente alla gengiva sottostante, in modo che non si sposti nel corso della giornata e che impedisca eventuali infiltrazioni di cibo che potrebbero rivelarsi davvero molto fastidiose e dolorose. Indossare la protesi per un periodo prolungato, come avviene nel caso delle dentiere fisse, significa sottoporre le proprie gengive ad una pressione costante: questo non farebbe altro che infliggere dei traumi a livello delle corone dentarie, causando un progressivo peggioramento della caduta dei denti sottostanti.
  • Proliferazione batterica: indossare una protesi fissa, significa non riuscire a pulire in profondità la propria dentiera. infatti, a differenza delle protesi mobili, che possono essere rimosse e lavate accuratamente, con quelle fisse bisognerà adoperare le classiche pratiche di igiene orale: è ben chiaro che la probabilità che si formi un livello di placca eccessivo e pericoloso all’interno della cavità orale risulti decisamente più elevata. La presenza di placca in eccesso numerosi meccanismi di proliferazione batterica e fungina, che potrebbero provocare infezioni orali importanti.
  • Sviluppo di infezioni pericolose: oltre alla proliferazione batterica, potrebbero anche verificarsi, all’interno della cavità orale, infezioni di tipo micotico che potrebbero interessare anche altri distretti corporei come ad esempio i polmoni. Bisogna ricordare che la cavità orale è direttamente collegata all’apparato respiratorio e per questo motivo è molto facile che un’infezione particolarmente invasiva all’interno della cavità orale, potrebbe rappresentare un serio pericolo per la salute polmonare e compromettere la propria incolumità personale.
  • Stomatite: si tratta di un disturbo causato dall’infiammazione della mucosa orale, dovuta ad una fisiologica diminuzione del flusso salivare, che porta la formazione di una sorta di sostanza pastosa all’interno della cavità orale. Indossare una dentiera fissa anche durante la notte, significa far entrare in contatto questa sostanza pastosa con i batteri presenti sulla protesi dentaria: questo potrebbe causare escoriazioni o piccoli tagli a livello del palato.

Impiegando una protesi dentaria mobile, questi problemi di salute potranno essere evitati: sarà infatti possibile rimuoverla periodicamente per non stressare eccessivamente le gengive e i propri denti al di sotto della dentiera e sarà possibile farsi consigliare dal proprio dentista il metodo più congeniale per poter lavare, disinfettare e conservare la propria dentiera, in modo da evitare lo sviluppo di patologie, impedire la proliferazione batterica, ed evitare che particolari disturbi orali possano compromettere in alcun modo la salute generale del paziente.

Le porte del Centro Odontoiatrico iDea, i dentisti dell’EUR,  sono aperte a tutti i pazienti di tutte le età, perciò non rimandate la vostra visita, saremo lieti di farvi un controllo accurato e paziente e di suggerirvi le soluzioni migliori ai prezzi migliori. Vi aspettiamo.

Navigazione articoli