News

Il sanguinamento gengivale è un problema estremamente comune ed è un’esperienza che prima o poi chiunque nella vita proverà. Il sanguinamento gengivale è un campanello d’allarme che non va mai sottovalutato e sminuito, infatti può rappresentare il primo stadio di problematiche ben più serie, che possono essere legate semplicemente ad un inefficace e scorretta igiene o a problemi più seri, è quindi in ogni caso consigliabile consultare uno specialista, cosa che fa meno del venti percento di chi nota questa problematica.

Un ottimo modo per prevenire questa fastidiosa problematica è quello di spazzolare nel modo più consono i denti e le gengive.

Alcuni enti che si occupano della salute di denti e gengive si sono riuniti per studiare e fornire una serie di linee guida e metodi che possono aiutare a prevenire e diminuire l’incidenza del sanguinamento gengivale; ne hanno individuati cinque e sono di seguito riportati.

Metodo 1: spazzolino e dentifricio

Il centro odontoiatrico IDEA, specializzato nel settore dell’odontoiatria consiglia di combattere il sanguinamento gengivale utilizzando un dentifricio a base di fluoro ed uno spazzolino, normale o elettrico adatto alle proprie esigenze, né troppo duro né troppo soffice, frizionare i denti due volte al giorno per alcuni minuti, frizionare per alcuni minuti aiuterà il fluoro presente nel dentifricio ad esplicare la sua azione rendendo questa pratica ancora più efficace, oltre a proteggere denti e gengive e mantenerli in buono stato tende a ridurre l’insorgere di malattie, per rendere questa procedura ancora più efficace, si consiglia di eseguire l’operazione di sera prima di andare a letto e dopo pranzo, naturalmente sarebbe buona norma lavare i denti dopo ogni pasto e conservare gli spazzolini in maniera corretta.

Metodo 2: scovolini o filo interdentale

Dato che un semplice spazzolino sia esso normale o elettrico non riesce a raggiungere tutte le cavità presenti nella bocca è bene affiancare al loro utilizzo degli scovolini in silicone usa e getta o del filo interdentale. In commercio esistono infinite tipologie di filo interdentale e di scovolini interdentali, tutti molto semplici da utilizzare e poco costosi, sono reperibili anche in confezione da viaggio per non rinunciare mai alle proprie pratiche di igiene orale.

Metodo 3: un collutorio al fluoro

Il collutorio è un elemento fondamentale nella prevenzione del sanguinamento gengivale e della corretta salute del cavo orale. Oltre a prevenire il sanguinamento gengivale combatte l’alitosi e ritarda la formazione di ulteriori batteri tra un lavaggio dei denti e l’altro.

Metodo 4: controlli programmati presso uno specialista

Lo specialista, come il centro odontoiatrico IDEA, si occupa della salute della bocca, tanto odiato perché infligge cure estremamente fastidiose e costose, ma è il posto giusto a cui rivolgersi in materia di prevenzione del sanguinamento gengivale. Seppur fastidioso il dentista è l’unico in grado di aiutare quando si presentano problemi di salute orale, comprese le gengive sanguinanti. Se le gengive sanguinano o mostrano altre anomalie per un periodo prolungato, è rilevante non attendere che arrivi il seguente appuntamento di routine, ma è buona regola fissarne uno per un consulto.

Metodo 5: avere una corretta alimentazione ed uno stile di vita sano

Sono due aspetti che possono sembrare piuttosto lontani da quello della prevenzione del sanguinamento gengivale, ma non è così, rappresentano due aspetti fondamentali per il corretto stile di vita e lo stato di salute e la prevenzione in ogni aspetto del benessere del soggetto a partire dai capelli per finire con le punte dei piedi.

Una dieta sana è rilevante affinché la nostra bocca funzioni correttamente, infatti dalla bacca iniziano proprio i processi di digestione ed elaborazione di ciò che viene ingerito, quindi è dalla bocca che parte l’elaborazione di tutte quelle vitamine e nutrienti fondamentali per il benessere, è per ciò fondamentale che questa sia alla massima efficienza. È importante seguire una dieta equilibrata e non farsi ingannare dalle etichette dei cibi ad esempio mangiare prodotti senza zuccheri aggiunti non implica che questi non ne contengano e che quindi se ne possano mangiare a volontà senza tenerne conto nel proprio piano alimentare.

Anche i fattori legati allo stile di vita possono influire sulla salute della nostra bocca, come fumare e bere bevande alcoliche. Quanti fumano, hanno aumenti della probabilità di sviluppare problemi gengivali, sia perché il fumo fa diminuire i quantitativi di ossigeno presenti nel sangue, andando ad incidere sulla capacità di guarigione delle gengive sia perché l nicotina si accumula sui denti formando una patina che favorisce la formazione dei batteri.