News

Ortodonzia pediatrica: fatti da considerare.

L’appuntamento dal dentista può essere vissuto da un bambino come un trauma vero e proprio, ancora di più quando si tratta di rivolgersi a quel professionista che gli installerà un fastidioso e antiestetico apparecchio per la correzione della posizione dei denti.
Diversi, però, sono i fattori da considerare, vediamone alcuni.

Quando intervenire?

Durante una visita di ortodonzia pediatrica, solitamente si valuta non solo il corretto allineamento dei denti, ma si conduce anche una profonda analisi del viso, dei muscoli, delle articolazioni affinché si valuti il modo d’intervento per consentire che il viso del paziente si sviluppi in maniera armonica.
Il primo importantissimo controllo odontoiatrico va effettuato già dai tre ai sei anni, affinché si trovi una probabile crescita lenta o non regolare.
Un intervento di tipo precoce, qualora ci sia la necessità, va condotto già tra i cinque e gli otto anni, in modo tale che si apportino quelle correzioni che favoriranno una giusta eruzione dei denti permanenti.
Nell’età che va dai nove ai tredici anni, invece, molto spesso si assiste ad un rallentamento della crescita dei denti o che crescano con una direzione non corretta rispetto alla mascella o alla mandibola. Questo è il momento in cui il corpo vive un momento di forte crescita ed un intervento mirato con strumenti specifici possono correggere e riportare il piccolo paziente all’interno degli schemi di crescita corretti.
Proprio per eventuali correzioni ai problemi della crescita ossea, l’ortodonzia utilizza apparecchi mobili o fissi che sono molto efficaci durante la fase più importante dello sviluppo.

Quando è necessario l’apparecchio?

La necessità di un intervento a cura di un ortodontista specializzato viene indicata dal dentista durante una visita di controllo. Le motivazioni per cui dover intervenire con un apparecchio possono essere di tipo estetico, quindi per un prognatismo mascellare o mandibolare, o di tipo funzionale, qualora si respiri con la bocca, per un difetto di pronuncia e via dicendo.
I fattori relativi al cattivo posizionamento dei denti possono derivare da alcune cause, ovvero le cattive abitudini (come succhiarsi il dito o il ciuccio), una torsione del cranio, la respirazione con la bocca, l’errato posizionamento della lingua, la forma del palato, il posizionamento sbagliato delle mascelle, labbro leporino, eccetera.
Gli apparecchi dentali in età pediatrica permetteranno di evitare che si ricorra a trattamenti futuri più invasivi come, ad esempio, quelli per i quali è necessario rivolgersi alla chirurgia, oppure un’estrazione di un dente, eccetera. Questi, quindi, sono trattamenti preventivi proprio perchè correggono le disfunzioni all’origine e aiutano a preparare l’osso nel punto in cui cresceranno i denti permanenti.

Il segnale di allerta

I primi ad accorgersi di un eventuale problema sono i genitori ai quali consigliamo di rivolgersi quanto prima ad un dentista o ad un ortodontista nel più breve tempo possibile, anche se non sono ancora comparsi i denti permanenti, se pensano che ci possano essere delle anomalie nelle posizioni dei denti.
I segnali che solitamente accendono questo campanello d’allarme possono essere: una discrepanza tra incisivi superiori ed inferiori o a carico delle mascelle, denti accavallati, spazi molto importanti tra due denti, una differenza anomala tra i denti centrali dell’arcata superiore e quelli centrali dell’arcata inferiore, una continua respirazione con la bocca invece che col naso ed addirittura il russare durante il sonno sono tutti elementi che dovrebbero far partire una serie di controlli affinchè si curi il problema e se ne prevengano degli altri, seppur non allarmandosi eccessivamente.
Ovviamente questi non sono problemi molto gravi e, per venire incontro anche alle esigenze dei genitori, esistono moltissimi trattamenti ed apparecchi per correggere un posizionamento non adeguato.

Gli apparecchi ortodontici

Il primo apparecchio ortodontico può essere installato su bambini di età non inferiore ai sette anni poichè causano diversi vincoli, in particolare il paziente deve aver superato l’età in cui succhia il pollice o il ciuccio, l’apparecchio deve essere tenuto tutto il giorno (nella maggior parte dei casi), la pulizia deve essere effettuata tre volte ogni giorno così come si deve occupare della pulizia e del buon mantenimento dell’apparecchio stesso. Inoltre, visto che le visite sono molto frequenti, il bambino deve essere grande abbastanza da poterle sopportare.
L’apparecchio fisso, seppur molto più scomodo ed antiestetico, è molto più efficace per bambini e ragazzi rispetto ad un dispositivo mobile.
Questo apparecchio viene attaccato sui molari o incollato sugli stessi per poi essere legati con un filo metallico che aiuta a regolarne il funzionamento.
Oggi esistono anche degli apparecchi alternativi che aiutano il bambino ed il ragazzo di sopportarli meglio in quanto meno visibili grazie a materiali quali la ceramica, la resina oppure usufruendo di attacchi interni invece che esterni.
Sono previsti anche degli elastici al posto delle placchette che esercitano una trazione maggiore per riposizionare le mascelle.
La durata di questi trattamenti, solitamente, va da un anno fino ad arrivare anche ad un massimo di diversi anni, periodo in cui il paziente deve effettuare diversi controlli e regolazioni eventuali. Trascorso questo periodo, sarà comunque indispensabile indossare un altro apparecchio mobile per la durata di circa un anno che consenta di rendere stabili i risultati.

News

I 5 cibi estivi che aiutano a mantenere il peso forma senza danneggiare i denti.

L’alimentazione è sicuramente un argomento molto importante da trattare, infatti si tratta dell’insieme di quegli alimenti che ogni giorno mangiamo. Come ben saprai ognuno di noi possiede un peso forma, cioè il peso ideale che ognuno di noi dovrebbe possedere.
Purtroppo mantenere questo peso forma potrebbe essere complicato, specialmente in estate che è considerata la stagione del divertimento. Proprio per tale ragione potrebbe venirti spontaneo lasciarti andare e mangiare di tutto e di più senza far caso al tuo peso forma!

Per questo motivo, noi del Centro Odontoiatrico IDEA, abbiamo scelto 5 tra gli alimenti migliori da mangiare durante la stagione estiva così che tu possa mantenere il tuo peso ideale senza dover rinunciare al sapore del buon cibo. Andiamo a vedere quali sono questi 5 alimenti.

I principali frutti estivi

Tra i migliori 5 alimenti utili a mantenere il peso forma senza intaccare minimamente la struttura dentale vi sono senza dubbio alcuni tipici frutti estivi, infatti essi sono stati considerati tra i migliori alimenti da assumere nella stagione calda per diverse ragioni.
Prima di tutto si tratta di frutta ricca di zuccheri, ma anche di acqua. Dunque è un ottimo modo per rinfrescarsi durante le giornate calde che potrebbero portare disidratazione e stanchezza fisica.
Inoltre si tratta di ottime fonti di vitamine e sali minerali, vediamo dunque quali sono i migliori frutti estivi.

Prima tra tutti vi è sicuramente l’anguria.

L’anguria è l’alimento migliore da poter scegliere per le stagioni estive, infatti possiede tutti i nutrienti necessari per affrontare al meglio una stagione calda senza troppe difficoltà.
A dimostrazione di ciò vi è l’incredibile quantitativo di vitamina A e C presente in essa, come se non bastasse possiede anche nutrienti essenziali come il fosforo, il magnesio e il potassio.
Se sei uno dei tanti amanti dell’anguria, ti potrebbe interessare il fatto che è composta al 95% d’acqua e che grazie alla sua composizione agevola la lotta contro la ritenzione idrica, molto utile per la stagione estiva.

Dopo l’anguria, il secondo posto come alimento estivo va sicuramente al melone.

Nel caso non ne fossi a conoscenza, il melone è un frutto molto simile all’anguria, è composto al 90% d’acqua e possiede davvero tante proprietà benefiche per l’organismo.
Possiede le vitamine C e B3 e parecchie altre sostanze come il calcio, fosforo e soprattutto il potassio. Queste proprietà lo rendono un ottimo alimento per rinforzare le ossa senza dover rinunciare al buon sapore, infatti si tratta di un alimento molto dolce e che possiede anche effetti lassativi.
Per tali ragioni il melone si merita senza dubbio il secondo posto poiché rappresenta un ottimo spuntino durante la stagione calda, capace di saziarti senza intaccare di molto il tuo peso forma!

Alimenti tropicali

Durante la stagione estiva rappresentano senza dubbio un’ottima variante ai tipici frutti, tra i frutti tropicali uno dei più conosciuti e dei più importanti è l’ananas.
Anche l’ananas è un ottimo alleato durante la stagione estiva, è infatti un alimento molto utile per prepararsi alla prova costume! Si tratta della sua capacità digestiva, è infatti uno dei frutti tropicali con maggiori azioni benefiche.
Oltre a facilitare la digestione possiede tante altre proprietà che si adattano perfettamente ai bisogni di chi soffre di ritenzione idrica o di stitichezza. Inoltre, mangiandolo frequentemente, potrai notare un miglioramento anche per quanto riguarda la cellulite.

Alimenti disponibili durante tutto l’anno

Come ben saprai vi sono alcuni alimenti che sono disponibili nei supermercati durante tutto l’anno, tra questi, noi di del Centro Odontoiatrico IDEA, abbiamo pensato di suggerirti alcuni alimenti molto utili per mantenere il tuo peso forma e senza intaccare la struttura dei tuoi denti.
Tra questi ne abbiamo messo in evidenza due in particolare.

Il primo alimento è la carne bianca, nonché la carne di pollo, tacchino e coniglio.
La carne bianca è un alimento da assumere almeno 2 volte a settimana, si tratta di una carne molto magra che possiede davvero tante proteine.
Inoltre aiuta lo smaltimento delle scorie all’interno del nostro corpo facilitando l’apporto proteico ai muscoli.

Invece come secondo alimento abbiamo scelto le carote, anch’esse sono un alimento facilmente reperibile per quasi tutto l’anno. Rappresentano un ottimo alimento per diverse ragioni, possiamo cominciare parlando delle sue vitamine come la vitamina A.
Inoltre possiede davvero tanti antiossidanti e rallenta l’invecchiamento cellulare. Possiamo dire che la carota rappresenta un alimento davvero eccezionale, inoltre possiede davvero poche calorie e per tale ragione è uno degli alimenti migliori per mantenere il proprio peso forma.

Questi sono i 5 alimenti che noi del Centro Odontoiatrico IDEA abbiamo pensato di suggerirti, ognuno di questi ti permetterà di completare i tuoi pasti senza difficoltà nutrendo al meglio il tuo corpo e senza danneggiare i denti!

News

Dieta chetogenica: quando è indicata e quali sono le conseguenze sulla salute orale.

La dieta chetogenica è da tempo al centro di una diatriba tra sostenitori e detrattori, rendendo difficoltosa la comprensione dei vantaggi e dei rischi connessi a questo regime alimentare. Noi del Centro Odontoiatrico IDEA vogliamo analizzare quando è possibile trarre benefici da questa dieta e quelle che sono gli impatti su denti e gengive, data la stretta correlazione che sussiste tra l’alimentazione e la salute del cavo orale.

Prima di tutto è bene comprendere su cosa si basa la dieta chetogenica; la premessa è che il nostro organismo, in carenza dei carboidrati deputati a fornire energia immediata, mette in atto un meccanismo per mobilitare le riserve lipidiche da cui trarre il sostentamento energetico che gli occorre. Di conseguenza nella dieta chetogenica si riduce al minimo l’apporto di carboidrati, prediligendo alimenti di natura proteica e diminuendo i livelli di glucosio nel sangue; questa condizione attiva alcuni processi metabolici che tentano di garantire l’apporto di nutrimento ai tessuti, specialmente ai tessuti nervosi che necessitano di fonti di energia specifiche e costanti. In particolare, dagli acidi grassi si ottengono i cosiddetti corpi chetonici, quali l’acetone o l’acetoacetato, che diventano il principale carburante dell’organismo e rendono possibile l’espletamento di tutte le funzioni fisiologiche. Di contro, le riserve proteiche non vengono intaccate, per cui mentre il tessuto adiposo si consuma rapidamente, la massa magra rimane al suo posto, agevolando il processo di dimagrimento. Questo meccanismo alla base del regime chetogenico spiega il motivo per cui in caso di forte obesità può essere molto utile abbracciare uno stile alimentare del genere, soprattutto in quei casi in cui altri metodi che prevedono un’alimentazione più varia falliscono. Inoltre, quando si innesca la chetosi (ossia la produzione di corpi chetonici superiore alla media), si contrasta meglio il senso di fame, quindi anche da un punto di vista dell’attitudine nei confronti del dimagrimento vi sono degli innegabili vantaggi.

Per seguire una dieta chetogenica sono due i punti fissi da non dimenticare:
  • l’apporto di carboidrati deve essere mantenuto al di sotto dei 30 grammi/die;
  • l’apporto calorico totale si deve attestare intorno alle 1200 kcal, con la predilezione di fonti proteiche buone quali carni bianche, verdure poco zuccherine e di grassi insaturi buoni.

Per cui in conclusione la dieta chetogenica è di grande utilità nel trattamento di pazienti affetti da obesità severa, a patto che siano costantemente monitorati da personale specializzato e per pazienti candidati alla chirurgia bariatrica che devono perdere molto peso in tempi brevi. Inoltre sono stati condotti studi preliminari che vedono la dieta chetogenica come utile nella riduzione del danno ossidativo cellulare in patologie quali il Parkinson e l’Alzheimer, anche se si tratta di aspetti che devono essere valutati in maniera approfondita.

Per quel che concerne gli svantaggi ed i rischi, invece, quello che viene maggiormente evidenziato è il danno renale che può presentarsi in caso di consumo eccessivo di proteine, è per questo che nella dieta chetogenica ben fatta si deve mantenere l’apporto proteico nella media. Tuttavia sono poche le informazioni che vengono fornite circa l’impatto di questo regime dietetico sulla salute orale, eppure le ripercussioni sono inevitabili; i corpi chetonici, infatti, sono composti di natura acida tanto che in alcune condizioni patologiche che ne prevedono un accumulo smodato si innesca l’acidosi metabolica che può essere estremamente pericolosa (ad esempio nell’ipoglicemia grave che si può verificare durante la terapia insulinica). Una dieta chetogenica monitorata non espone a questi rischi, tuttavia il pH del sangue che è pari a 7.4 può comunque abbassarsi leggermente, rendendo più acida del solito anche la saliva. È noto, anche sulla base dell’esperienza comune, che le sostanze acide esercitano un’azione corrosiva, infatti una delle principali conseguenze della dieta chetogenica e di altre diete iperproteiche sulla salute orale è la possibilità di intaccare lo smalto e di demineralizzare i denti.

Per queste ragioni, noi del Centro Odontoiatrico IDEA consigliamo di monitorare anche lo stato della bocca laddove si decidesse di intraprendere un percorso di questo genere, curando regolarmente l’igiene dentale e minimizzando il consumo di cibi acidi, come ad esempio i pomodori o l’aceto, che potrebbero aggravare ancor di più la situazione. Inoltre può essere utile consumare alimenti come verdure verdure fresche e fibrose o frutta secca, infatti con questi cibi (che sono in linea con la dieta chetogenica), si mette in atto una masticazione intensa che aiuta una sorta di auto-pulizia dei denti e che rafforza l’osso sottostante, minimizzando gli effetti negativi della demineralizzazione.

News

I 10 cibi cattivi per i denti

La pulizia a volte da sola non basta! Per avere una bocca sana e bella è importante anche fare attenzione alla propria alimentazione.
Esistono infatti alcuni cibi che, per la loro composizione, possono rovinare lo smalto dei denti, ingiallirli, macchiarli e renderli più fragili.
Chi proprio non può (o non vuole) rinunciare a questi cibi, dovrebbe prestare più attenzione alla cura dei propri denti, praticando una pulizia più accurata soprattutto dopo la loro assunzione. Noi del Centro Odontoiatrico IDEA consigliamo anche di sottoporsi regolarmente ad una pulizia professionale, scegliendo dei trattamenti specifici per il proprio disturbo.
Vediamo insieme quali sono questi 10 cibi cattivi per i denti.

L’elenco dei 10 cibi cattivi per i denti:

1) caffè
2) tè
3) caramelle
4) succhi di frutta
5) merendine
6) cioccolato
7) bibite gassate
8) alcolici
9) patatine in busta
10) cibi ricchi di amidi

Caffè e tè

Nell’elencare i 10 cibi cattivi per i denti è doveroso iniziare da quelli che godono della fama peggiore: caffè e tè. Queste due bevande dovrebbero essere assunte con moderazione in quanto tendono a macchiare lo smalto che ricopre i denti. Un consiglio utile è quello di sciacquarsi la bocca dopo la loro assunzione in modo da limitare il danno e, appena possibile, lavare i denti con spazzolino e dentifricio.

Cibi con troppi zuccheri

Esiste poi una categoria molto varia: quella dei cibi zuccherati. Stiamo parlando ad esempio di caramelle, succhi di frutta (spesso addizionati con saccarosio), merendine e cioccolatini. Ma la lista è molto più lunga, per questo bisogna prestare particolare attenzione ai cibi confezionati e leggere bene i loro ingredienti. L’eccesso di zucchero può causare numerosi danni ai denti, primo fra tutti la temuta carie che, se non curata, provoca un serio danno al dente. I bambini sono particolarmente soggetti alla carie e, proprio per questo, dovrebbero evitarli quasi totalmente. Lo zucchero raffinato può essere facilmente sostituito con prodotti più sani, come lo zucchero integrale di canna.
Dopo averli mangiati è importante lavarsi bene i denti, questa regola va osservata soprattutto dopo la prima colazione, in quanto si tratta di un pasto che solitamente prevede l’assunzione di molti cibi zuccherati.

Cibi acidi

Le bevande gassate (oltre ad essere spesso anche molto zuccherate) hanno una composizione molto acida che rovina lo strato più superficiale del dente, rendendolo più fragile e più a rischio di rotture. Lo stesso discorso vale anche per alcuni alimenti come gli agrumi, l’aceto e i pomodori. Anche in questo caso vale il discorso fatto per il caffè: sciacquarsi la bocca dopo averli mangiati e lavarsi i denti appena possibile.

Gli alcolici

Un discorso particolare va fatto per gli alcolici. Sono numerose le motivazioni per cui queste bevande (seppur molto consumate) rappresentano un pericolo per i denti. Innanzitutto gli alcolici inibiscono la produzione di saliva che, invece, è molto importante per la pulizia dei denti. La saliva ha infatti una prima azione antibatterica all’interno del cavo orale che permette alla nostra bocca di rimanere sana.
Inoltre il vino ha una componente acida molto rilevante, mentre le birre ricche di malto possono macchiare i denti al pari di caffè e tè.

Cibi croccanti

I cibi molto croccanti, come ad esempio le patatine in busta, si frantumano in piccoli pezzi quando si masticano. Questi pezzi, se non si provvedere ad un’accurata pulizia dopo averli assunti, possono depositarsi tra i denti. Oltre allo spazzolino e al dentifricio è importante usare anche il filo interdentale che riesce ad intercettare questi piccoli pezzi e a rimuoverli prima che causino danni ai denti.

Cibi con tanto amido

Infine ci sono gli alimenti che contengono molto amido, come ad esempio il pane o la pasta. L’amido, una volta entrato a contatto con la saliva presente nella nostra bocca, si trasforma in zucchero. Anche il consumo di questi alimenti andrebbe limitato, scegliendo cibi realizzati con farine integrali.

Consigli utili per una bocca bella e sana

Riassumendo quanto detto fino ad ora, noi del Centro Odontoiatrico IDEA vogliamo fornire un elenco di consigli utili per avere una dentatura bella e sana.
Prima di tutto è importante cercare di eliminare (o almeno ridurre) il consumo giornaliero di cibi ricchi di zuccheri raffinati. Alle merendine del supermercato, ad esempio, è meglio preferire dolci fatti in casa, realizzati utilizzando fruttosio o zucchero di canna grezzo.
Ricordarsi di lavare sempre i denti dopo aver mangiato, utilizzando tanta acqua, spazzolino, dentifricio e filo interdentale. Questo per evitare che gli zuccheri, gli acidi e le sostanze nocive possano intaccare lo smalto e rovinare i denti.
Infine, ricorrere alla pulizia professionale con regolarità, soprattutto se iniziano ad insorgere macchie sui denti.

News

Come l’alimentazione può essere amica o nemica dei nostri denti e della salute del nostro cavo orale?

Da oggi abbiamo qualcuno che può spiegarci tutto questo in modo chiaro ed efficiente, indicandoci la corretta dieta da seguire in considerazione del nostro stile di vita, delle nostre abitudini e dei nostri gusti. Il dr. Alessandro Paoli, dottore in dietistica e in scienza della nutrizione, è il nuovo professionista del nostro team che potrà realizzare specifici programmi alimentari che vi guidino verso uno stato di benessere e salute a 360 gradi, tenendo conto anche di obiettivi personali come la perdita di peso o l’attività sportiva, agonistica e non.

News

L’igiene orale dei bambini

Come sappiamo bene, una corretta igiene orale è la miglior medicina per prevenire le fastidiose patologie legate alla bocca. È necessario, dunque, che ognuno di noi mantenga le buone abitudini di igiene orale, la cui regola aurea è sicuramente quella di lavare i denti almeno due o tre volte al giorno. Per gli adulti è ormai un concetto consolidato, anche se troppo spesso questo protocollo non viene applicato in modo sistematico, ma cosa c’è da sapere riguardo all’igiene orale dei bambini?

Molti dei nostri pazienti neo-genitori ci pongono questa domanda ed in questo articolo abbiamo raccolto per voi i migliori consigli sull’igiene orale dei vostri bambini, grazie all’esperienza della nostra Dott.ssa Daniela Piloni.

Quando iniziare a prendersi cura dell’igiene orale dei più piccoli?

Come spiega la Dott.ssa Daniela Piloni, igienista dentale da anni collaboratrice del Centro Odontoiatrico IDEA: “purtroppo non tutti sanno che bisogna iniziare a prendersi cura dell’igiene orale dei nostri bambini fin dai primi giorni di vita, ovvero quando ancora non ci sono i denti”.

Infatti, anche nelle primissime settimane di vita, si dovrebbero detergere le gengive dopo ogni poppata e/o rigurgito. Sappiamo bene che in quel periodo è anche solo difficile ricordarsi le migliaia di cose da fare e può capitare che vi dimentichiate di farlo.

È bene però farlo almeno una volta al giorno, passando una piccola garza inumidita con soluzione fisiologica o acqua della bottiglia su tutte le gengive, sulla lingua e all’interno delle guance del vostro piccolo.

In questo modo andrete a svolgere una duplice funzione:

  1. elimineremo qualunque residuo di sostanza biologica dalla bocca del bimbo, donando una sensazione di bocca pulita;
  2. abitueremo il bimbo alle normali manovre di igiene orale.

Ecco alcuni strumenti utili per l’igiene orale dei vostri Bimbi.

Man mano che il vostro piccole cresce, potrete passare ad altri presidi, ovvero il baby toothbrush o l’Oral Care Rabbit della MAM.

Il baby toothbrush, noto anche come finger toothbrush, è in silicone ed ha la forma di un ditale, per cui si inserisce il nostro dito indice all’interno e, grazie alle setoline presenti sulla superficie, deterge e massaggia contemporaneamente le gengive e le mucose del nostro bimbo.
Dopo ogni uso deve essere naturalmente lavato, mentre una volta al giorno va sterilizzato, facendolo bollire in un pentolino o nello sterilizzatore che usate per i biberon. Come se fosse uno spazzolino da adulti, va cambiato ogni 2-3 mesi.

L’oral Care Rabbit della MAM è invece un guanto a forma di simpatico coniglietto, presente in due varianti di colore (rosa o azzurro), che svolge la medesima funzione. Anche questo deve essere lavato dopo ogni utilizzo, con il solo inconveniente di dover attendere che sia del tutto asciutto per poterlo riutilizzare.

Baby toothbrush
Baby toothbrush
Oral Care Rabbit della MAM
Oral Care Rabbit della MAM

Questi presidi, per una corretta igiene orale, vanno benissimo fino a quando ci sono 3-4 dentini in bocca, dopo di che bisogna passare allo spazzolino vero e proprio. In commercio ve ne sono davvero tantissimi e consigliamo sempre l’acquisto in farmacia, dove si ha la possibilità di avere una scelta più ampia per la salute del cavo orale dei vostri bambini. Lo spazzolino ideale è quello che rispecchia la fascia di età del bimbo, facilmente individuabile perché scritta sulla confezione.
Ve ne elenchiamo alcuni, ma c’è davvero libera scelta:

  1. Oral-B Stage 1, ha una testina piccolina e delle setole morbidissime. È probabilmente il più facile da trovare, ad esempio qui lo vendono anche in diversi supermercati, ma ha il difetto di non essere un granché dal punto di vista del bimbo.
  2. Baby’s brush della MAM, sempre con una testina piccola, dotato anche di un anello che mantiene lo spazzolino a una distanza di sicurezza dalla parte posteriore della bocca del bimbo, per evitare conati. È disponibile anche una versione con il manico più lungo, per consentire contemporaneamente la presa sia da parte del genitore sia da parte del bimbo.
  3. Happy brush della Silver Care, a forma di simpatico pinguino, sempre con testina piccolina e impugnatura pratica sia per i bimbi sia per i genitori. Naturalmente nel momento in cui compaiono i denti, diventa importantissimo eseguire queste manovre di igiene orale almeno 2 volte al giorno, proprio come per noi adulti.
Oral-B Stage 1
Oral-B Stage 1
Baby's brush della MAM
Baby’s brush della MAM
Happy brush della Silver Care
Happy brush della Silver Care

 

Da quando è possibile utilizzare il dentifricio per l’igiene orale dei bimbi?

Per quanto riguarda invece il dentifricio, nella fascia di età che va da 6 mesi a 6 anni, si può tranquillamente utilizzare per mantenere l’igiene orale, l’importante è rispettare determinate quantità in maniera da non provocare un’assunzione di fluoro per via sistemica:

  1. dai 6 mesi ai 2 anni, basta una quantità minima di dentifricio che ricopra appena lo spazzolino, della grandezza simile ad un chicco di riso;
  2. dai 2 anni in su, la quantità di dentifricio deve aumentare di circa mezzo centimetro senza, però, ricoprire del tutto la testa dello spazzolino. Dimenticate le pubblicità in cui si copre tutto lo spazzolino con il dentifricio, perché non serve assolutamente a nulla, se non a fare tanta schiuma e sprecare il prodotto.

Se avete bisogno di chiarimenti, la Dott.ssa Piloni è a vostra disposizione.

Scrivete o visitate la Pagina Facebook della Dott.ssa Piloni cliccando qui, per sapere tutto sull’igiene dentale dei vostri bimbi. Sarà ben felice di aiutarvi, con i suoi preziosi consigli, a salvaguardare la salute della bocca dei vostri bimbi.

News

Ecco i nostri nuovi “giocattoli tecnologici” per lo studio dentistico

La Tecnologia e l’innovazione che ne consegue sono ormai riscontrabili in diversi ambiti delle nostre attività quotidiane. Anche in quello lavorativo, ancor più in quello medico-sanitario, il contributo dell’innovazione tecnologica è un elemento di fondamentale importanza per permettere di migliorare, sempre più, la qualità dei servizi e dei trattamenti erogati, tutto a vantaggio della sicurezza e del comfort del paziente.

Noi del Centro Odontoiatrico IDEA lo sappiamo bene ed è proprio spinti da questa ambizione che offriamo, a tutti i nostri pazienti, il massimo dei trattamenti di ‘estetica odontoiatrica’ costantemente supportati dalle più moderne tecnologie.

I nuovi giocattoli tecnologici dello Studio Odontoiatrico IDEA
La parola chiave che più ci contraddistingue è, certamente, innovazione. Ed è, infatti, proprio grazie all’applicazione di protocolli e metodologie innovative che possiamo garantire ai nostri pazienti le più sofisticate tecnologie all’avanguardia, permettendoci di eseguire trattamenti odontoiatrici da veri professionisti ed esperti della salute orale e dell’estetica dentale così da far tornare a splendere i vostri sorrisi!

A dimostrazione di quanto detto Noi del Centro Odontoiatrico IDEA vogliamo raccontarvi di tre nuovi importanti dispositivi di ultimissima generazione che sono entrati a far parte della nostra squadra permettendoci di offrirvi il meglio nel campo dell’odontoiatria digitale:

Scanner Intraorale, Come Beam e Software di Implantologia guidata. Prenderci cura del tuo sorriso è il nostro obiettivo più importante!

Scopriamo ora insieme i nuovi “giocattoli tecnologici” disponibili:

– Scanner intraorale
Abbiamo deciso di dire addio alle vecchie impronte dentali con materiali dal sapore disgustoso e con tempi di presa molto lunghi, per affidarci definitivamente alle impronte digitali. Nel Centro Odontoiatrico Idea attraverso l’utilizzo di uno scanner intraorale rileviamo impronte virtuali di entrambi le arcate dentali dei nostri pazienti in pochissimi secondi. Questo si traduce in velocità di esecuzione rispetto ai materiali tradizionali, possibilità di inviare immediatamente il file al laboratorio riducendo tempi, passaggi e possibilità di errore, comfort incredibile per i pazienti, specialmente per coloro che mal sopportavano l’invasività delle impronte tradizionali, ed in un aumento esponenziale della precisione nel dettaglio delle impronte rilevate

– Cone beam
Conosciuta anche con il nome di tomografia computerizzata (TAC), è un esame radiologico disponibile nel nostro Centro che permette di ricreare virtualmente immagini tridimensionali delle strutture anatomiche così da poter “navigare” all’interno delle stesse e poterne studiare le caratteristiche. Questo è di assoluto ausilio per la valutazione della qualità e dello spessore dell’osso nei casi in cui si debba ricorrere alla riabilitazione di denti persi con altrettanti impianti dentali.

– Implantologia guidata
Questa tecnica chirurgica rappresenta la più alta e quotata delle innovazioni in campo odontoiatrico. Nasce di fatto dall’interazione tra i dati acquisti con lo scanner intraorale e quelli della Cone Beam permettendoci di pianificare ogni fase del trattamento implantologico. Per comprendere l’entità della sua valenza basti pensare che con questa tecnica chirurgica è possibile progettare virtualmente l’intervento chirurgico implantologico così da poterlo poi effettuare senza tagli, senza punti di sutura, senza dolore e in tempi ridottissimi.

Se vuoi conoscere meglio tutta la tecnologia a disposizione presso il Centro Odontoiatrico IDEA o vuoi apprendere i segreti del nostro successo e di come ci prendiamo cura del benessere e del sorriso di più di 10 mila pazienti, tutte le informazioni e i dettagli sono disponibili e facilmente consultabili sul nostro sito web: https://www.dentistaeur.it/

Navigazione articoli