Come si svolge l’intervento

Il tuo specialista sarà

Carlo De Annuntiis

Master di II livello in Chirurgia Orale e Implantologica Avanzata
Master di II livello in Parodontologia

Tra i primi 3 migliori Parodontologi in Italia, vanta un esperienza di più di 2 mila interventi di implantologia dentale perfettamente riusciti.

Un riferimento indispensabile per chi non si arrende alla Parodontite e intende mantenere i propri elementi dentali colpiti dalla Piorrea.
Per tutti gli elementi dentali ormai andati persi sarà lui a consigliarvi e a realizzare l’intervento di posizionamento dell’impianto dentale, in tutte le circostanze.
Spesso i pazienti scoraggiati ci riferiscono di non aver osso a sufficienza per intraprendere la via implantologica, il dottor Carlo, grazie alla sua esperienza, gestisce quotidianamente casi di rigenerazione ossea che gli permettono l’inserimento degli impianti dentali laddove altri avevano fallito.

Quali fasi comporta l’inserimento e la messa in funzione degli impianti?

La prima fase terapeutica consiste in un dettagliato colloquio con il paziente durante il quale gli debbono essere fornite chiare informazioni circa la sua situazione dentaria con l’indicazione delle varie possibilità terapeutiche e dei relativi rischi.

Il paziente deve rendersi perfettamente conto dell’importanza e delle eventuali conseguenze dell’intervento. Il consenso del paziente viene richiesto per iscritto sempre dopo un’esauriente spiegazione.

Se il paziente acconsente e se non sussistono controindicazioni si procede all’inserimento dell’impianto in anestesia locale. L’intervento dura circa 30 minuti per ogni impianto inserito e non è doloroso durante il suo svolgimento. In fase di guarigione si può manifestare un lieve dolore ed una lieve tumefazione, (come dopo un’estrazione).

L’intervento può essere preceduto e seguito dall’assunzione di farmaci, come antibiotici o antiinfiammatori al bisogno, per evitare un eccessivo disagio postoperatorio.

Se il paziente manifesta la necessità, l’intervento può essere eseguito con l’ausilio del protossido d’azoto ossia un gas che può essere inspirato in una miscela con l’ossigeno al fine di rendere il paziente più tranquillo e con una migliore compliance nei confronti dell’intervento.

Il paziente rimane sempre perfettamente sveglio e collaborante con il chirurgo, nonché sempre perfettamente in grado di alzarsi dalla sedia in qualsiasi momento e camminare in perfetta autonomia.

Dopo circa 7 giorni avviene la rimozione dei punti.

Dopo tale fase si attende un periodo variabile, che nei casi più difficili può arrivare fino a 3 mesi, nel quale l’impianto viene completamente saldato nell’osso. Inizia così la fase protesica che attraverso alcune prove permetterà il posizionamento della corona protesica sull’impianto.

Volete saperne di più? Compilate subito il form e prendete un appuntamento con il dott. Carlo o chiamate lo 06-52831020!

Creazione Siti WebSiti Web Roma